Giorgio Spreafico

Torre Egger Solo Andata

Torre Egger è una vetta lontana. E’ una parete straordinaria mai scalata. E’ la storia di tre ragazzi e di un amore. Il racconto di una spedizione solo andata. 

13,00

Ti serve aiuto? Scrivici direttamente su WhatsApp +39 347 3783594.

ISBN/EAN: 9788898911349

Anno: 2011

Formato: 14.5x20.5cm

Nr. pagine: 368

Rilegatura: brossura cucita

Categoria: Tag: , , , , ,

Descrizione

Torre Egger. . . un’avventura solo andata

Torre Egger è una vetta lontana. E’ una parete straordinaria mai scalata. E’ la storia di tre ragazzi e di un amore. Il racconto di una spedizione solo andata. 

Un’emozionante storia di alpinismo

Torre Egger, dal novembre 1989 al febbraio 1990: i cento giorni in cui si persero vite e in cui altre cambiarono per sempre. Una storia di amicizia e passioni, vissute in Civetta, Grigna e Patagonia. Il viaggio dentro un sogno, in una stagione irripetibile dell’alpinismo italiano e nella gioia di chi guardando in alto sente battere più forte il cuore.

 

“Perché vai in montagna?” chiese Eliana.

“E tu perché respiri?” rispose Paolo.

Tratto da una storia vera

Torre Egger Solo Andata racconta di un fatto cronaca che scosse l’opinione pubblica. Paolo Crippa, detto  Cipo, ed Eliana De Zordo, ventiquattrenni innamorati, uniti dalla passione per la montagna, partirono nel novembre del 1989 verso la Patagonia per realizzare un sogno: scalare l’impossibile parete ovest della Torre Egger.

Da quella spedizione, non sono mai tornati.

Da un’intervista a Giorgio Spreafico, autore del libro, a cura di Montagna.tv:

“Questa storia impressionò in modo sconvolgente il nostro mondo. L’ho voluta riscoprire perché credo non si debbano lasciar cadere le cose che ci appartengono, soprattutto se non sono comprese o risolte fino in fondo. I 100 giorni di questa spedizione sono forse quelli che hanno messo più a dura prova l’alpinismo lecchese in tutta la sua storia”.

 

Il link per l’intervista completa:

https://www.montagna.tv/31613/torre-egger-solo-andata-la-storia-di-cipo-ed-eli-nellultimo-capolavoro-di-spreafico/